MOLLUSCHI, UN’INNEGABILE RELAZIONE TRA L’UOMO E LA VITA CHE LO CIRCONDA

di Paolo Balistreri

 

Il gruppo dei molluschi è quello che, dopo gli insetti, presenta il maggior numero di specie viventi, ampiamente diffuse nei mari, nelle acque dolci e sulle terre emerse. Sin dall’alba dei tempi, i molluschi hanno avuto un ruolo rilevante nella vita dell’uomo, assumendo una posizione di vitale importanza per la sopravvivenza della prima popolazione esistente.
Secondo degli studi, la popolazione australoide che si diffuse partendo dell’Africa orientale circa 60.000 anni fa, e forse più, si muoveva seguendo le coste dei mari in cerca di molluschi che venivano utilizzati come sostentamento.

Diverse conchiglie di Patella ferruginea (Gmelin,1791), mollusco gasteropode della famiglia dei Patellidae che presenta da 40 a 50 coste con intervalli stretti con margine della conchiglia dentellato sono state rinvenute all’interno della grotta del Genovese, presente nell’Isola di Levanzo (Isole Egadi) (Fig.1), nota per la presenza di incisioni e pitture, che risalgono al paleolitico e neolitico, testimoniando quindi, l’utilizzo di questo mollusco gasteropode come alimento e
utensile.

Fig.1 Esemplari di patella ferruginea (www.gastropds.com) e Faraglione dell’Isola di Levanzo.
Fig.2 Charles VIII di Francia (www.wikipedia.org)

La conchiglia sin dagli albori dei tempi è stata utilizzata come monile. I cavalieri dell’’Ordine di San Michele nel 1469, utilizzavano una collana di conchiglie, ma con un medaglione d’oro dove era raffigurato l’Arcangelo San Michele che calpesta il drago (Fig.2)

In questo caso quindi, le conchiglie non venivano utilizzate per realizzare un ornamento, ma un simbolo dell’ordine. Le conchiglie presenti in questo simbolo erano dei bivalvi come la conchiglia “cuore” che è facilmente osservabili sui fondali sabbiosi della città di Trapani. Anche il mondo della musica non era esente dalla presenza di conchiglie. Un esempio si può fare con la Charonia nodifera (lampas lampas) (Lamarck, 1822), conosciuta in Sicilia (Nella città di Trapani e Isole Egadi) come Brogna o trumma, denominazione per uno strumento musicale folcloristico, costituito da questa conchiglia tortile alla quale è praticato un foro in cui il suonatore immette l’aria. La “trumma”, però, può essere costituita anche da altre conchiglie tortili, infatti tale strumento si può incontrare negli usi di altre popolazioni (Fig.3)

 

Fig.3 Utilizzo di una conchiglia di tritone come strumento musicale e di richiamo (www.terembir.com) ed un grosso esemplare di Charonia lampas.

Il mollusco dell’Hexaplex trunculus (Linneo, 1758) e Bollinus brandaris (Linneo, 1758)(Fig.4) erano impiegati invece per realizzare una tinta color porpora utilizza per tingere le vesti. Queste conchiglie che possono essere ritrovate con una certa facilità nelle spiagge di Ronciglio e Tramontana (Trapani).

Fig.4 Conchiglia di Bolinus brandaris, mollusco che insieme a Hexaplex trunculus è comune sul mercato del pesce.

 

L’Hexaplex trunculus, ad oggi viene considerato un buon biondicatore, perché bioaccumula il TBT (Tributil di stagno) che viene usato come biocida di supporto nelle vernici antivegetative per barche a base di rame . La bassa capacità di detossificarsi dei molluschi, in modo particolare dei gasteropodi come Hexaplex trunculus, fa si che esso sia un buon bioindicatore, tramite un indice che si basa sul concetto che la sovrapposizione dei caratteri maschili e femminili del mollusco, definita come imposex, è proporzionale al grado di inquinamento da tributil di stagno: in questo modo gli studiosi definisco lo stato di salute di un determinato specchio d’acqua.
Parlare della relazione tra i molluschi conchigliati e l’uomo è solo uno dei tanti modi per esaltare quell’innegabile legame che c’è tra noi ed il resto del “mondo”. Talvolta dovremmo soffermarci anche solo un momento per capire che in fondo siamo tutti parte dello stesso sistema.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *