Trochoidea elegans, curiosità e allevamento

Gli Abissi del Tempo: Pomatias e Littorina, l’evoluzione raccontata da due chiocciole

I DENTI DELLA DISCORDIA

COMBATTENTE, FIERO E TENACE: IL RAMARRO OCCIDENTALE

MINERALI IMPOSSIBILI E OGGETTI CHE NON DOVREBBERO ESISTERE

Il paradosso dell’inquinamento da plastica e del perchè fu creata per salvare gli elefanti

AUSTRALOPITHECUS SEDIBA. CHI ERA COSTUI?

NON SIAMO POI TANTO DIVERSI DA UNA FOGLIA: LA CELLULA VEGETALE

QUANDO I MINERALI E I FOSSILI SI INCONTRANO…

I DINOSAURI TORNERANNO IN VITA? UNA POSSIBILITA’ CHIAMATA DNA

DAI RE MAGI FINO AI GIORNI NOSTRI: LA MIRRA, UNA PREGIATA RESINA PIU’ PREZIOSA DELL’ORO

LA CELLULA: UNA PICCOLA CITTA’

LA NECROPOLI ETRUSCA DEL SORBO: TRA STORIA E FOLLIA

UNA CAMMINATA LUNGA MILIONI DI ANNI: NATI PER CORRERE E CAMMINARE

NON SEMPRE SERVE UNA LAUREA PER ESSERE INGEGNERI: I BIOCOSTRUTTORI SABELLARIA ALVEOLATA E DENDROPOMA CRISTATUM E LA LORO IMPORTANZA ECOLOGICA

MINERALI FANTASTICI E COME RICONOSCERLI: TRA FALSI, SINTETICI E IMITAZIONI

LA NECROPOLI ETRUSCA “GREPPE DI SANT’ANGELO”: UNA STORIA LUNGA 3000 ANNI

DA CONCHIGLIA A CULLA, IL PASSO E’ BREVE: LA STRAORDINARIA RIPRODUZIONE DI ARGONAUTA ARGO

PERLE, LEGGENDE E IL TESORO DEI MOLLUSCHI

I TRILOBITI, GLI OCCHI DEL FONDALE

MOLLUSCHI, UN’INNEGABILE RELAZIONE TRA L’UOMO E LA VITA CHE LO CIRCONDA

CHI E’ BLUE? L’INGANNO DEL VELOCIRAPTOR

DRITTI, STORTI, DISSOLTI O FANTASMA: I CRISTALLI PIU’ CURIOSI

LA GEOGRAFIA E IL TEMPO: I GENITORI DELLE BIODIVERSITA’

NAUTILUS, DAI FLUTTI DEL TEMPO…

COSI’ PICCOLO, COSI’ RUMOROSO: IL MICRONECTA SCHOLTZI!

CHI LI CHIAMO’ DINOSAURI?

I TOTANI, MOLLICCI (E INASPETTATI) RAZZI IN GRADO DI VOLARE

QUANDO IL CIELO SI SPECCHIA IN MARE: LO STRANO CASO DEL PESCE LUNA

LUCY: LA RAGAZZA CON IL SOLE NEGLI OCCHI, IL SOTTILE FILO CHE LEGA IL ROCK E LA PALEONTOLOGIA UMANA

DI CHE COLORE ERANO I DINOSAURI? CE LO SVELANO GLI UCCELLI

SPONDYLUS MICROLEPOS

IL MISTERIOSO SQUALO DEL GANGE

QUATTRO PASSI NEL TEMPO, QUANDO UNA GITA TI PORTA MOLTO LONTANO…

UNA STORIA DA RACCONTARE

VELOCIRAPTOR, IL RAPACE PIU’ VELOCE

IL MERAVIGLIOSO “PESCE MANDARINO”

COME NASCONO LE CONCHIGLIE?

IL LUNGO NASTRO DEL MEDITERRANEO

CORALLO ROSSO, IL PREZIOSO CHE RISCHIA L’ESTINZIONE

AMMONITI

GLI ANIMALI MELANICI

IL MAGNIFICO OPALE LUZ CON GALASSIA

LA NECROPOLI ETRUSCA “GREPPE DI SANT’ANGELO”: UNA STORIA LUNGA 3000 ANNI

Ass. Archeologica Caerite Nuova Generazione Etrusca
di Nico Stella
Un breve cenno su di me… sono Nico Stella presidente della Associazione Culturale Archeologica Caerite NUOVA GENERAZIONE ETRUSCA, da anni ormai insieme al mio team di collaboratori soci N.G.E., il supporto della sovrintendenza per l’Etruria meridionale e il Comune di Cerveteri ci occupiamo in modo permanente e a costo zero di mantenere fruibili ed in sicurezza queste meraviglie archeologiche. La nostra e’ una azione di volontariato no profit che ha come scopo finale la cura e l’affido a tempo indeterminato di alcuni siti archeologici etruschi di straordinaria importanza storica archeologica al pari della ben più celebre necropoli della Banditaccia (Sito UNESCO).
Come accennato poc’anzi vorrei quest’oggi parlarvi della famosa necropoli rupestre “Greppe di Sant’Angelo”, che ricopre una estensione di circa otto ettari.
Sita poco distante dal centro abitato di Cerveteri alta, questa meravigliosa necropoli molto longeva vede i primi insediamenti funerari risalenti all’epoca Villanoviana, ovvero IX secolo avanti Cristo, fino ai più recenti in epoca tardo Etrusco – Romana, per arrivare alle sepolture rupestri risalenti al I secolo avanti Cristo, quindi ci troviamo al cospetto di una necropoli che e’ stata in uso frequente per ben 8 secoli secoli.
Cratere di Eufronio

Questa straordinaria necropoli è considerata uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo ed è molto famosa per il ritrovamento del cratere di Eufronio rinvenuto e trafugato clandestinamente nel 1971, ora riportato in Italia presso il museo nazionale archeologico Cerite di Cerveteri.

Inoltre da segnalare la presenza della imponente tomba monumentale del Charun risalente al quarto secolo avanti Cristo in piena età ellenistica, un monumento funerario di grandiose proporzioni dove si nota la presenza di una copertura a volta a botte ultimo esempio di architettura civile rimasto nell’intera Etruria meridionale.
Da segnalare inoltre alcune curiosità, misteri e leggende appartenenti a questo sito archeologico…
Si vocifera che in questa necropoli molti visitatori e abitanti del paese, anche in epoche lontane, avvertissero strane presenze a tal punto da sentirsi osservati molto da vicino.
Ovviamente sono delle dicerie, che però hanno gettato una sinistra luce su questo meraviglioso complesso funerario, come sono e rimangono delle voci riguardanti il fatto che alcuni cacciatori in epoche lontane avessero perso i loro cani da caccia letteralmente inghiottiti dai rovi presenti all’interno del sito è mai più ritrovati…. La colpa ricade appunto sul demone etrusco dell’oltretomba Charun famoso per essere molto dispettoso.
Ecco questa è la famosa necropoli rupestre greppe di Sant’Angelo appartenente alla nostra Cerveteri che ha una storia lunga ben 3000 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao!! Benvenuto nel sito nautilusdiscovery.it!!

Se vuoi collaborare con noi, inviaci una mail all'indirizzo info@nautilusdiscovery.it.

 

Grazie!

   
Holler Box
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: