I DINOSAURI TORNERANNO IN VITA? UNA POSSIBILITA’ CHIAMATA DNA

di Pamela Baiocchi

I dinosauri ormai sono estinti, ma potrebbero essere riportati alla vita?

Possiamo far risorgere specie estinte?

Queste sono domande interessanti e molto affascinanti, ma cerchiamo di capire meglio come potrebbe essere possibile trovare o ricostruire il DNA di un dinosauro.

Partiamo da una certezza scientifica: le molecole del DNA sono delicate e si sfaldano col passare del tempo, quindi la ragione per cui è così difficile ottenere il DNA di un dinosauro  sta proprio nel fatto che il esso si deteriora nel tempo.

Anche i recenti esperimenti effettuati sui  Mammuth, che sono stati trovati congelati nella tundra siberiana, hanno provato che è molto difficile ricavare del DNA. Proprio in relazione a questi esperimenti dobbiamo considerare che tra noi e i Mammuth ci sono solo decine di migliaia di anni, mentre tra noi e i dinosauri decine di milioni…

Nel film Jurassic Park gli scienziati clonano i dinosauri utilizzando del DNA estratto da insetti succhia sangue (come le zanzare) preservati nell’ambra e trovare insetti nell’ambra √® una cosa piuttosto comune. Fossilizzare le impronte di tessuti molli invece √® un evento raro che consiste in un processo ben definito, ovvero quei tessuti molli sono di solito riempiti o rimpiazzati da minerali.

 

Quindi, quanto otteniamo un esempio di pelle fossilizzata, non √® veramente la pelle originale che si √® preservata nel tempo, ma soltanto un calco. √ą praticamente impensabile che il sangue si possa preservare, e che i sottili e delicati filamenti di DNA possano sopravvivere decine, o anche centinaia di milioni di anni.

Questo ci porta a dedurre che sia impossibile estrarre del DNA di dinosauro per riportarlo in vita,  ma questa non è la fine della storia. Alcune straordinarie, ma controverse ricerche sulle ossa di dinosauro sembrano suggerire che in casi eccezionali i vasi sanguigni di dinosauro possono essere stati preservati nel tempo.

Durante l‚Äôispezione di ¬†alcuni paleontologi sulle ossa delle zampe di un Tirannosaurus rex e di un Brachilofosauro, sono stati trovati dei ¬†vasi sanguigni ancora morbidi ed elastici. Questo ha aperto la possibilit√† di trovare proteine originali di dinosauro. Nonostante questa incredibile scoperta non siamo ancora vicini a trovare un DNA ‚Äúcompleto‚ÄĚ perch√© il DNA si sfalda molto velocemente dopo la morte dell’animale.

 

Alcuni scienziati hanno provato un esperimento al contrario, ovvero hanno tentato di ricostruire un dinosauro alla rovescia partendo da un uccello, perch√© gli uccelli sono i diretti discendenti dei dinosauri e possono avere ancora alcuni dei geni necessari nel codice per quanto riguarda i denti, una lunga coda o dita artigliate. Questo √® un nuovo campo di studi che richiede tecniche di laboratorio molto complesse e ci pu√≤ dire davvero di pi√Ļ circa lo sviluppo biologico e i processi che si trovano alla base dell’evoluzione, ma un dinosauro ricostruito in questo modo non sarebbe una vera specie risorta, sarebbe qualcosa di completamente nuovo.

Ma che dire allora delle altre specie estinte? Potremmo far resuscitare specie estinte recentemente?

Pyrenean ibex – estinta

Magari qualcosa che sia estinto pi√Ļ recentemente, come un Mammuth, oppure specie estinte a causa delle azioni umane, come il Piccione viaggiatore potrebbero essere riportata in vita? ¬†La risposta pi√Ļ corretta al momento √® ‚Äúnon lo sappiamo‚ÄĚ, ma questo non vuol dire che non sar√† possibile visto che la scienza correlata cambia velocemente.

Alcuni progetti attualmente in corso sull‚Äôutilizzo dei tessuti dei Mammuth congelati nella tundra siberiana e utilizzati per tentare la clonazione della specie suggeriscono una via. ¬†Come per la clonazione della pecora Dolly sarebbe possibile impiantare il nucleo di una cellula di Mammuth nell’ovulo di un elefante vivente.

Gli scienziati non sono stati ancora in grado di far crescere un Mammuth, ma sono riusciti a clonare una specie estinta di rana e una specie estinta di capra, chiamata Pyrenean ibex. Sfortunatamente gli animali clonati di rado sopravvivono a lungo e la ibex è vissuta solo per pochi minuti dopo la nascita.

I campioni di tessuto degli ¬†animali estinti di recente, come 50 o 100 anni fa, sono certamente migliori di quelli che risalgono a migliaia, o milioni di anni, quindi non sar√† facile vedere un dinosauro tornare in vita, almeno per adesso. La questione pi√Ļ importante sar√† quella di¬† focalizzare i nostri sforzi nel proteggere i discendenti viventi dei dinosauri, gli uccelli, cos√¨ come tutte le altre specie che vivono oggi, conservando le risorse naturali e proteggendo l’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *