CARNOTAURUS SASTREI: IL TORO CARNIVORO

Il Carnotaurus sastrei apparteneva ai grandi teropodi predatori del Cretaceo.
Il suo nome, tradotto vuol dire letteralmente “toro mangiatore di carne” (carnis – taurus), mentre sastrei onora Angelo Sastre, il proprietario della terra dove è stato trovato lo scheletro.
Il nome scientifico di questo dinosauro è strettamente collegato alle corna taurine presenti sul cranio.
Questo teropode infatti possedeva una caratteristica distintiva mai osservata in altri predatori e sembra essere stato l’unico predatore bipede noto con una coppia di corna sull’osso frontale.
Le sue corna erano spesse, collocate sopra gli occhi e sul teschio, che si presetava praticamente attaccato ad un collo massiccio e muscoloso.
Queste erano caratteristiche perfette da associare ai combattimenti, si ipotizza infatti che questi dinosauri utilizzassero proprio cranio, corna e collo per combattere e cacciare prede di notevoli dimensioni, come ad esempio i sauropodi.
Le sue dimensioni sono state stimate per una lunghezza di 8-9 metri e il peso di 1,3 tonnellate, la sua costituzione mediamente esile.
Le zampe posteriori, lunghe e sottili, suggeriscono che l’animale fosse predisposto per la corsa, ed è stato individuato come uno dei teropodi di grandi dimensioni più veloci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *